1 /
Partner Syral
Per saperne di più

Grazie per aver fatto la vostra parte!

Safety Day 2014. Le vostre idee, il nostro futuro.

Complimenti a tutti i partecipanti: il concorso è stato un successo costruito insieme.

La vostra fantasia e il vostro impegno hanno dato vita ad un'edizione di successo e di grande ispirazione per Sedamyl.

Le vostre creazioni sono un importante stimolo per pensare al futuro della sicurezza e della sostenibilità del rischio in azienda. Tra le cose più apprezzate, c'è sicuramente l'originalità e la voglia di partecipare, per costruire nuovi percorsi di sicurezza fuori e dentro l'azienda: una strada da percorrere passo dopo passo, tutti insieme.

Scoprite tutti i disegni delle due categorie, cliccando qui sotto. Buona visione!

041 safety_1.jpg
042 safety_2.jpg
043 safety_3.jpg
044 safety_4.jpg
045 safety_5.jpg
046 safety_6.jpg
047 safety_7.jpg
048 safety_8.jpg
049 safety_9.jpg
050 safety_10.jpg
051 safety_11.jpg
052 safety_12.jpg
053 safety_13.jpg
054 safety_14.jpg
055 safety_15.jpg
056 safety_16.jpg
057 safety_17.jpg
058 safety_18.jpg
059 safety_19.jpg
060 safety_20.jpg

SAFETY DAY

SEDAMYL FOR KIDS

 

Sedamyl promuove la cultura della sicurezza lasciando libero spazio alla fantasia dei ragazzi.

Ogni anno in occasione del Safety Day sono esposti
i disegni a tema.

Buona visione.

Concorsi creativi

  • Video
  • Foto
  • Disegni
« return
  • 2006
  • 2007
  • 2008
  • 2009
  • 2010
  • 2011
  • 2012
  • 2013
  • 2014
  • 2015
  • 2016
 

Schede didattiche

Il grano è una materia prima molto importante. Impariamo a conoscere la sua storia e le sue trasformazioni.

Dai Greci ai giorni nostri l'amido ha sviluppato nuove opportunità di utilizzo. Dagli usi medici e domestici, grazie alle nuove tecnologie sviluppate a partire dalla fine dell'Ottocento, oggi è impiegato per cibo, bevande, medicine, dentifricio, cosmetici, carta, materiali da costruzione,e la lunga lista continua...

Nel mondo l'amido può essere estratto da più di 50 piante, che lo producono tramite la fotosintesi clorofilliana. Sfruttando il carbonio presente in atmosfera, viene prodotto il glucosio, strutturato in lunghe catene che possono variare da 100 a 20.000 unità.

Nel IX secolo i Giapponesi e nel 1811 gli europei, grazie a Kirchoff, scoprirono la trasformazione dell'amido in dolcificante. Attraverso l'idrolisi ed altri processi si ottengono: sciroppi di glucosio, destrosio, maltodestrine, isoglucosio ed altri derivati del glucosio.

L'amido è sottoposto a modifiche utili ai suoi usi alimentari, a preparare e conservare i cibi e a stabilizzarne la cottura. Tramite "cross linking", "sostituzione" e altre tecniche l'amido risulta trasformato: niente a che vedere ovviamente con i prodotti "geneticamente modificati"...

Grazie a consistenza, leggerezza, aspetto lucido, l'amido è utilizzato nella preparazione dei piatti, con varie funzioni di agente di consistenza. I prodotti finiti sono innumerevoli: dalle salse agli alimenti per bambini, dalla pasticceria ai piatti pronti a base di carne...

Nella seconda fase di lavorazione, l'amido potrà essere sottoposto ad essicazione, modifiche o destinato alla produzione di sciroppi di glucosio. Questi si adattano facilmente a molte applicazioni d'uso, che vanno dalla pasticceria alla produzione della birra.

Metà della produzione di amido è destinata ad un uso non alimentare. Grandi quantità sono utilizzate per conferire robustezza alla carta. In particolare l'aumento nell'uso di carta riciclata ha comportato maggiori consumi di amido, per rinforzare la produzione ed evitare peggioramento della qualità.

In ogni settore specifico l'amido è protagonista: plastica biodegradabile, detersione, vernici, prodotti agrochimici, adesivi e colle, detergenti. La sua grande versatilità, la sua rinnovabilità e la sua neutralità nei confronti dell' "effetto serra" ne accrescono il valore.

Amido e glutine si propongono come elementi fondamentali nell'alimentazione umana ed animale. Grazie alle loro proprietà molto spesso hanno sostituito od integrato ingredienti e miscele tradizionali nella preparazione di alimenti e cibi in genere.

A partire dal grano, con l'aggiunta di acqua, attraverso un ciclo produttivo che utilizza processi fisici quali macinazione, separazione, centrifugazione, essiccazione e processi naturali quali trasformazioni con enzimi e fermentazioni con lieviti, otteniamo una vasta gamma di prodotti che ci permettono di sfruttare completamente la materia prima in ingresso e di ottimizzare l'efficienza produttiva.

 
 
 
 
 
CLOSE X